Lo Smart Working chiama il cambio culturale
July 10, 2017 2:00 pm

Il 29 Giugno, TeamEQ ha avuto la possibilità di essere sul tavolo degli oratori all’evento “Smart working e competenze digitali”  organizzato da Gi Group e OD&M Consulting. I temi più importanti che abbiamo appreso e condiviso durante l’esperienza sono:

Cos’è lo Smart working e cosa significa lavorare in modo agile? Quali sono i benefici e le criticità? E soprattutto, quali competenze sono necessarie?

Sulla base dei risultati di una recente survey OD&M sul tema nel corso dell’incontro professionisti del mondo HR si sono confrontati e hanno discusso di cosa significa avere un “digital mindset”,  di come cambiano le competenze, l’organizzazione del lavoro e le logiche di gestione delle persone e dei team.

Queste le keywords emerse dall’indagine che definiscono il fenomeno dello smart working: flessibilità, responsabilità, autonomia/autorganizzazione e work life balance. Tutte caratteristiche fondamentali per andare incontro alle necessità delle persone, migliorare la loro motivazione, la soddisfazione, il loro equilibrio tra vita professionale e privata, incrementando, di conseguenza, l’efficacia e la produttività dei dipendenti.

Lo Smart Working presenta ovviamente anche alcune criticità. In primis richiama la necessità di realizzare un cambiamento culturale e organizzativo, “l’isolamento” dei dipendenti porta a una riduzione di sinergie tra colleghi con il rischio di difficoltà di collaborazione e fa emergere temi importanti quali la fiducia, la sicurezza della condivisione dati in remoto e di privacy.

Il cambiamento

È giusto precisare come lo Smart Working non sia una pratica obbligatoria bensì una chiara scelta strategica che l’Azienda potrà decidere di implementare secondo diverse modalità e che dipenderà dalle risposte che il top management di ogni singola società darà alle seguenti domande: “Perché fare SW?”, “Dove voglio arrivare grazie allo SW?”.

Lo Smart Working sposta il focus aziendale dal presenzialismo ai risultati, si tratta di un cambiamento culturale e manageriale importante che impegna tutta l’organizzazione. Per questo motivo spesso il punto di partenza può essere quello di incominciare da una o più aree dell’organizzazione così da testare e monitorare il cambiamento cercando di capire come lo SW si integra con la cultura aziendale fino a definire le best practices di implementazione dell’approccio Smart e solo successivamente pensare se e come estenderlo al resto dell’organizzazione.

Quando si parla di cambiamento culturale si fa riferimento agli elementi chiave della cultura Smart emersi dall’indagine OD&M e che costituiscono un approccio al lavoro decisamente distaccato dal modello tradizionale:

  1. Autonomia e responsabilità
  2. Spostamento focus da presenza a risultati
  3. Diffusione cultura fiducia
  4. Leadership partecipativa
  5. Attitudine all’utilizzo di strumenti digitali

Strumenti di team management in real time come TeamEQ, promuovono questi stessi valori e rappresentano un valido supporto per le aziende che intendano affrontare questo importate e delicato cambiamento.

TeamEQ infatti promuove:

  1. La responsabilizzazione e l’empowerment delle persone, aumentandone la consapevolezza e promuovendo l’idea che tutti possono fare qualcosa per migliorare il proprio team
  2. La focalizzazione sugli obiettivi e in particolare sull’obiettivo comune del team
  3. La diffusione di dati trasparenti per incrementare la fiducia
  4. Il cambiamento verso una leadership partecipativa
  5. La digitalizzazione di HR e team management

TeamEQ è un importante supporto strategico che aiuta a mantenere la consapevolezza costante di dove si è e di dove si vuole arrivare, così che il cambiamento culturale Aziendale sia graduale e soprattutto ben integrato e accettato da tutti.

Altri strumenti a sostegno dello SW sono stati suggeriti da Google Cloud Italy e da Giunti OS nel corso l’evento. Google ha presentato tool per la collaborazione e la condivisione continua di dati senza rischio di phishing utilizzati quotidianamente dal personale stesso di Google; mentre Giunti OS ha mostrato uno strumento in grado rilevare la digital mindset dei futuri Smart Workers.

Il cambiamento è alla portata di tutti, e come ben sottolinea il titolo stesso dell’evento “Digitali non si nasce, agili si diventa”.

 

 

 

Evolution is the best solution: questa volta la nostra squadra di informatici si è superata…

Abbiamo appena lanciato questo ultimo aggiornamento in cui, fra le altre cose, includiamo il grafico della ‘dispersione’ del beat settimanale e se prestate pochi secondi di attenzione, vedrete che è stupendo! Stimola a ricontrollare beats precedenti, facendoci capire il perchè di valutazioni migliori o peggiori , sempre in anonimato…Questa volta la nostra squadra di informatici...

Read More...
TeamEQ ed il Forum delle Risorse Umane 2017: l’appuntamento con l’HR Management

Questa mattina a Palazzo Lombardia ha preso il via la IX edizione del Forum delle Risorse Umane, il principale evento italiano che offre uno spazio di riflessione e dibattito sui temi del Lavoro e del People Management.Digital transformation: come pensare e costruire modelli aziendali del futuro mettendo al centro le persone? HR Trasnformation e Change ManagementQuali...

Read More...
Cerca nel Blog
Iscriviti alla nostra Newsletter
Ottieni la tua prova gratuita di 30 giorni, senza limiti di funzionalità

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close